Quantificazione del danno di un trauma cranico

medicina legale

Last Updated on 24 Marzo 2024 by Gianluca Sposato

La quantificazione del danno a seguito di un trauma cranico

La testa è la parte del corpo più esposta negli incidenti che coinvolgono i motociclisti e negli incidenti a pedoni, mentre le lesioni al cranio sono la causa principale di decesso in tutte le tipologie di incidenti stradali.

Per questo è fondamentale che in caso di trauma cranico di tipo commotivo il paziente venga trattato entro un’ora dall’incidente.

La frattura cranica, o lesioni di tipo grave derivanti da tale tipologia di incidente, possono causare danni anche all’apparato circolatorio.

Più nello specifico a vene e arterie che, qualora danneggiate, possono sanguinare e causare danni al tessuto cerebrale e ai nervi stessi.

Negli incidenti stradali le lesioni al cranio sono la prima causa di decesso

Tutte le fratture, o lesioni del cranio ( lineare, composta, con cedimento o basale ), rispondono ad una specifica tabella del danno biologico.

L’accertamento medico legale del danno ne definisce la gravità e la percentuale di invalidità permanente spettante in caso di lesioni.

Per quantificare l’entità di un danno, nella sua interezza e complessità, ai fini della corretta personalizzazione del danno, particolare incidenza hanno età, attività lavorativa, reddito, stile e abitudini di vita del danneggiato.

La personalizzazione tiene conto del danno morale quando va risarcito e del danno esistenziale, comportando un aumento in misura percentuale sull’ importo dovuto a titolo risarcimento del danno non patrimoniale.

Poichè la medicina legale non è una scienza esatta, la quantificazione del danno, anche per la stessa tipologia di danni, può variare e, di fatto, varia sempre in base a diversi parametri.

Soprattutto, in base alla qualità dei servizi e della assistenza legale e medico legale fornita al danneggiato, la cui valenza, per danni di particolare entità e gravità, fa sempre la differenza.

Di seguito riportiamo la tipologia di danno e la percentuale di invalidità riconosciuta per le sole lesioni riguardanti il Cranio.

Tabella per il calcolo danno lesione al cranio 

FRATTURA OSSO FRONTALE 7,00%

FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O TEMPORALE O LINEE DI FRATTURA INTERESSANTI TRA LORO TALI OSSA 7,00%

FRATTURA SFENOIDE 5,00%

FRATTURA OSSO  ZIGOMATICO 3,00%

FRATTURA OSSO ZIGOMATICO O MASCELLARE O PALA TINO O LINEE DI FRA TTURA INTERESSANTI TRA LORO TALI OSSA 3,00%

FRATTURA LEFORT l° (dístacco dell’arcata dentaria superiore dal mascellare) 4,00%

FRATTURA LEFORT II° O III° (non cumulabili tra loro né con LEFORT I°) 7,00%

FRATTURA ETMOIDE 3,00%

FRATTURA OSSO LACRIMALE O JOIDEO O VOMERE (non cumulabíle) 2,00%

FRATTURA OSSA NASALI 2,50%

FRATTURA MANDIBOLARE (PER LATO) 4,00%

LACERAZIONE DEL TIMPANO DA BAROTRAUMA 5,00%

TRAUMA CRANICO COMMOTIVO CON FOCOLAI CONTUSIVI A LIVELLO CEREBRALE 8,00%

Quantificazione del danno di un trauma cranico, da chi essere seguiti?

Nel caso in cui si è rimasti vittima di incidente grave rivolgersi ad Adism è la scelta giusta per tutelare i propri diritti ed ottenere risarcimenti sempre superiori alle medie nazionali, come dimostrano le tante testimonianze.

Adism ha ricevuto l’apprezzamento della Presidenza del Cosiglio dei Ministri e assiste con successo chi deve avere un risarcimento per lesioni gravi dall’assicurazione, senza anticipo spese.

I nostri avvocati e medici legali specializzati in risarcimento di danni fisici gravi, sono al servizio dell’infortunato in  tutta Italia per il calcolo corretto dei punti di invalidità del danno subito, oltre che in sede peritale.

I nostri avvocati, tutti patrocinanti in Cassazione, hanno consolidata esperienza in ambito assicurativo, responsabilità civile e risarcimento del danno per lesioni gravi.

Chiama ora il 347.8743614 per affidarci il tuo caso

    Contattaci

    Indice

    Torna in alto