Danno morale, quando va risarcito?

Last Updated on 22 Febbraio 2024 by Gianluca Sposato

Danno morale quando va risarcito? 

Il danno morale va risarcito in presenza di un reato che abbia causato sofferenza alla vittima che lo ha subito.

Il danno morale è la sofferenza, in termine di dolore subita, da chi ha riportato lesioni a seguito di un fatto illecito posto in essere da altri.

Le compagnie di assicurazione, se le lesioni sono conseguenza di un incidente stradale, o di un danno causato in una struttura ospedaliera, per responsabilità medica, non vogliono liquidare questa voce di danno.

Soprattutto per le così dette invalidità  micro permanenti, come il  colpo di frusta, contusioni, traumi  cervicali e dorso lombari.

Ma è giusto? Ovviamente no.

Solo che il danno morale, che può aversi solo in presenza di un reato, deve essere dimostrato per potere essere liquidato.

Il danno morale come viene risarcito?

Il danno morale rientra nella più ampia categoria del danno non patrimoniale e si  calcola tenendo conto dell’età del  danneggiato al momento del sinistro.

Il calcolo avviene in  corrispondenza del grado di invalidità permanente, in termini di danno biologico, accertato a seguito di visita medico legale.

Alla invalidità permanente devono sommarsi i giorni  di inabilità assoluta o relativa, al lavoro, inteso in senso  generico e, dunque, i giorni di prognosi ospedaliera, o meglio di riposo prescritti  per la guarigione.

L’accertamento medico legale del danno, senza quantificarlo, deve comunque tenere conto del grado di  sofferenza del danneggiato.

Tutto questo sulla base di Tabelle nazionali di liquidazione del danno che prevedono per ogni punto  di invalidità permanente, in base all’età del danneggiato, un  valore economico via via decrescente.

Meno si è giovani minore è il ristoro economico previsto, in base all’aspettativa di vita.

Invalidità permanente, inabilità  temporanea e danno morale

Quando e come va risarcito il danno morale?

Sulla base di questo conteggio: I.P.  Invalidità permanente, cui deve sommarsi la I.T.A. Inabilità temporanea assoluta, o relativa (che si calcola in percentuale di quella assoluta e, dunque, al 75%,  al 50%, o al  25%, per esempio), si  conteggia e si somma, in percentuale, anche il danno morale.

Il danno morale si calcola in misura che può oscillare a seconda della gravità delle lesioni subite dal 20% fino ad un massimo del 60% e anche oltre in casi del tutto eccezionali.

Attenzione però il danno morale per essere riconosciuto e liquidato, come abbiamo detto,  deve essere provato e allegato.

Come si prova il danno morale?

Il danno morale può essere provato anche presuntivamente, secondo nozioni di comune esperienza,  come ha precisato la Cassazione.

Cosa significa questo?

Vuol dire che se, per esempio, mi sono rotto una gamba perché una moto mi ha investito mentre attraversavo la strada sarà piuttosto semplice provare che ho sofferto e provato dolore a causa dell’incidente che ho subito.

E, dunque, avrò diritto al risarcimento anche del danno morale,  in misura da calcolare in percentuale su la somma della invalidità permanente e della inabilità temporanea, cui dovrà  andare a sommarsi per il computo finale del danno ai fini del risarcimento dovuto.

Diverso il caso se ho riportato un “colpo  di  frusta” a causa di un tamponamento, per quanto il  dolore sia inevitabile anche in questo genere di  situazione, soprattutto a distanza di giorni.

A causa della varia tipologia del genere di danno in  esame sarà più difficile provare ed ottenere il risarcimento anche del danno morale in sede di trattativa con l’assicurazione e anche davanti ad un giudice, andrà valutato di caso in caso esaminando la documentazione medica allegata agli atti. 

Il danno morale può essere risarcito da solo?

Il danno morale è una categoria autonoma e, dunque, può essere risarcito anche se non è riscontrabile un danno biologico in termini di invalidità permanente.

Tuttavia, la questione è molto dibattuta  data la complessità della materia della responsabilità civile in generale ed, in particolare, della responsabilità medica, da rca (responsabilità civile automobilistica) e assicurativa.

La scelta di un avvocato specializzato in risarcimento danni per incidenti stradali, incidenti o morti sul lavoro e responsabilità medica è sempre determinante ai fini dell’integrale risarcimento del danno subìto.

Senza sconfinare nei casi del danno morale da perdita parentale di cui ci siamo già occupati, per spiegare come il danno morale può essere risarcito in assenza di lesioni, basti pensare, ad esempio, alla perdita di un animale domestico.

Se pur condizionata a rigorosa prova, il padrone di un animale ucciso, come l’amato cane, a causa di un fatto illecito ha diritto  ad ottenere il risarcimento del danno morale, per la sofferenza causata della perdita dell’animale di  affezione.

Ai fini del risarcimento del danno biologico, con il seguente documento si propone di definire la sofferenza morale quale stato emotivo della persona, temporaneo e/o permanente, produttivo di percezione di disagio/degrado/dolore, rispetto alla condizione anteriore.

ACCERTAMENTO E VALUTAZIONE MEDICO LEGALE DELLA SOFFERENZA MORALE

Indice

Contattaci

    Torna in alto